domenica 15 giugno 2008

Per capire Travaglio leggete qui

Questa è la storia, pubblicata ieri su Libero, di un giornalista free lance che è stato tecnicamente segato da uno dei giornali con cui collaborava dopo aver scritto sul suo blog alcune notizie, verrebbe da dire "fatti", riguardo a uno dei collaboratori verrebbe da dire di "punta" di quello stesso giornale. O meglio, settimanale. Il giornalista si chiama Mastellarini, il settimanale è l'Espresso, il collega è Marco Travaglio e tutto nasce da una notizia sfiziosissima pubblicata su questo blog, dove Mastellarini sostanzialmente spiega che in una memoria difensiva Marco Travaglio per difendersi dall'accusa di diffamazione (spero di aver capito bene) nei confronti di Confalonieri si è giustificato spiegando che la sua rubrica sull'Unità non è in realtà nient'altro che satira. Mastellarini ha poi pubblicato sul suo blog alcuni vivaci messaggi ricevuti da Travaglio. Sta storia è veramente pazzesca. Leggete, leggete.

2 commenti:

Vincenzo ha detto...

Mi piacerebbe leggere un tuo post sulle attuali vicende del cavaliere.

Claudio Cerasa ha detto...

Prima devo capirci qualcosa, poi posto.