lunedì 17 dicembre 2007

Oggi Pierluigi Battista sul Corriere della Sera

Il doppio peso della censura

Ma come, sequestrano un libro, imbavagliano un giornalista, e nemmeno l'ombra di uno dei soliti, stentorei comunicati della Federazione nazionale della stampa? O almeno una dichiarazione indignata dell'Ordine dei giornalisti, solitamente così loquace, statutariamente aduso al pronto intervento per la difesa della libertà di stampa? Eppure è proprio così. A un giornalista de Il Foglio, Claudio Cerasa, hanno fatto sparire dalle librerie il suo lavoro, Ho visto l'uomo nero (edito da Castelvecchi), dedicato alla storiaccia di Rignano Flaminio, alle contorte ed eterodirette deposizioni dei bambini, al clima da stregoneria oscurantista, da incubo, da magia nera, da caccia alla maestra, da inquisizione in cui questa storiaccia si è degradata. Però il sequestro di un libro rigoroso e documentato appare come un fatto normale, non meritevole della pur minima reazione: nemmeno una goccia di quell'oceano di sdegno che in altre occasioni ha accolto censure, intimidazioni, intimazioni al silenzio. Ma perché?

O forse non è più il caso di chiedersi perché. È cosi: punto. L'adozione di un doppio standard di comportamento, di un doppiopesismo frutto, ancor più che di una costruzione razionale o di un'argomentazione concettualmente difendibile, di un puro istinto tribale, di un'inconsapevole e irriflessa propensione all'ipocrisia e all'incoerenza, oramai non prevede nemmeno l'omaggio alle buone maniere, un soprassalto di dignità capace di salvare la forma, se non la sostanza. Almeno far finta di protestare per lo stesso, identico motivo per cui si è protestato fino a un attimo prima a favore di un membro titolato della tribù: niente. Almeno un piccolo sforzo per apparire vicini a un minimo di equanimità: niente di niente. Se in tribunale condannano con evidente spirito persecutorio Giorgio Forattini, uno si immagina almeno che gli organi preposti alla salvaguardia solenne della libertà di satira si riuniscano e confabulino così: «Forattini sarà pure un destro reazionario, ma di professione fa il satiro. Abbiamo detto e stradetto che la satira è sacra e intoccabile e che chi la tocca è un mascalzone. Ergo, facciamo un comunicato di blanda solidarietà a Forattini. Controvoglia, distrattamente, ma ci tocca farlo». Qualcosa del genere, tanto per darsi un tono di indipendenza di giudizio, si poteva dire. E invece no, neanche questo. Il doppio standard è diventato una seconda natura, un automatismo mentale, un'ovvietà inconscia. E dunque, silenzio totale, mutismo assoluto.

E se poi sequestrano un libro di un giornalista su Rignano, la cosa non sembra riguardare i sunnominati organi preposti. Un libro che fa a pezzi un'inchiesta fragile, sbilenca, smentita, come si è appurato in questi giorni, in punta di fatto e di diritto; un buon lavoro di ricostruzione documen-taria, la descrizione di un clima intossicato dove si fabbricano i nuovi mostri: cancellato, costretto a marcire nelle cantine di un editore ingenuo e temerario. Con l'editore e il giornalista che si staranno chiedendo come acquisire quel quarto di nobiltà necessario a mobilitare gli organi preposti della categoria, obbligatorio per non sentirsi dei paria buoni soltanto a suscitare un'indignazione di serie B, che lascia indifferente la nomenklatura del doppio standard.
Pierluigi Battista

8 commenti:

loscho ha detto...

Scusa eh, Claudio, sarà la mia orticaria che inizia a manifestarsi ogniqualvolta sento dire "Corriere" oppure "Sera", ma l'editoriale di PB mi fa inc...are. Troppo facile dopo che il mondo tutto ha saputo che non ci sono prove. Poi, bene così, anche il Corriere ti rende giustiza, ma mi sembra la solita riabilitazione "postuma"...

Claudio Cerasa ha detto...

Mica è un problema di rendere giustizia a me, figuriamoci. E' importante però che anche il Corriere della Sera faccia una riflessione di questo tipo. Anche perché non era scontato e anche perché meglio farlo un po' dopo piuttosto che non farla proprio, no?

Demonio Pellegrino ha detto...

Cerasa, se posso permettermi, e a costo di fare della dietrologia spicciola, mi sembra molto chiaro il perche' il sequestro del tuo libro non abbia fatto indignare le prefiche del politicamente corretto e dall'indignazione facile: scrivi per il Foglio, ergo sei un servo di Berlusconi, ergo sei anche tu il male, ergo se ti sequestrano il libro e' cosa buona e giusta, indipendentemente da quello che ci sta scritto nel libro.

Sbagliero', ma sono certo che sia cosi'.

Anonimo ha detto...

Per quel che vale: libro acquistato oggi stesso. Auguri!

Claudio Cerasa ha detto...

Grazie.

loscho ha detto...

Sì sì, meglio tardi che mai. Considerando poi che viviamo in un Paese in cui il tempo medio per ricredersi è intorno alle decine di anni, PB è stato veloce come un fulmine.
Credo anche io che la ragione principale del silenzio dei giornalisti sia il fatto che scrivi su un giornalaccio berlusconiano... ti immagini se avessero sequestrato un libro a Rossana Rossanda?
Comunque bene così, adesso spererei proprio che il tuo libro ritorni sui banchi delle librerie...

Anonimo ha detto...

Tranquilli, il libro sarà ripubblicato e diventerà un cult. Tutto grazie al Tribunale Civile di Roma.

Massimiliano Nespola ha detto...

Caro Claudio, non ho letto il tuo libro, ma tenderei a pensare che, se è stato sequestrato, avevi mostrato lati oscuri dell'inchiesta: niente di diverso dal lavoro giornalistico nella sua essenza. Purtroppo oggi sempre più raro, per ragioni di scuola.