mercoledì 30 luglio 2008

Scrivono le agenzie

USA: IL PRINCIPALE PRODOTTO AGRICOLO? E' LA MARIJUANA, BUSINESS DA 35,8 MLD DOLLARI = 56,4 MILIONI DI PIANTE COLTIVATE ALL'APERTO, SUPERA COLTURA COTONE IN ALABAMA

Washington, 30 lug. - (Adnkronos) - Il principale prodotto agricolo degli Stati Uniti non e' il mais ne' il grano, ne' il cotone: e' la marijuana. Un dato che emerge elaborando i dati dei diversi organismi federali statunitensi. Inaspettatamente si scopre, ed e' una stima prudente, che il valore della produzione di marijuana statunitense ammonta a 35,8 miliardi di dollari. I 56,4 milioni di piante di marijuana coltivate all'aperto - secondo i dati riportati dall'agenzia vaticana 'Fides' - hanno una rendita di 31,7 miliardi, mentre la produzione degli 11,7 milioni di piante coltivate all'interno di serre e spazi chiusi e' di 4,1 miliardi.

Una situazione che desta preoccupazione soprattutto tra i responsabili della comunita' cattolica statunitense, per i danni che la diffusione degli stupefacenti provoca tra i giovani e per le vittime conseguenti all'uso della droga, dagli incidenti stradali alle malattie mentali. Giusto un anno fa Papa Benedetto XVI durante il suo viaggio in Brasile, visitando la "Fazenda da Esperan�a" il 12 maggio 2007, ricordo' gli alti tassi di dipendenza chimica dalle droghe e dagli stupefacenti, ed esclamo': 'Percio' dico agli spacciatori che riflettano sul male che stanno facendo a una moltitudine di giovani e di adulti di tutti gli strati sociali: Dio chiedera' loro conto di cio' che hanno fatto. La dignita' umana non puo' essere calpestata in questo modo'.

Tutto questo senza contare la contraddizione che esiste tra una politica che finanzia l'estirpazione delle piantagioni colombiane di cocaina con diserbanti e l'apparente impossibilita' di intervenire in casa propria per bloccare la produzione di marijuana. La marijuana e' il primo raccolto in termini monetari in 12 Stati, tra i primi 3 in 30 Stati, e uno dei primi 5 in 39 Stati. La coltura di marijuana e' piu' estesa di quella del cotone in Alabama, di quella combinata di uva, ortaggi e fieno in California, di arachidi in Georgia, e di tabacco in South Carolina e North Carolina.(segue)

3 commenti:

Vincenzo ha detto...

Ma il Papa si preoccupasse dei sodomizzatori con crocefisso, della discriminazione delle donne nella gerarchia ecclesiastica, , della condanna dell'uso del preservativo, di un passato dell'azienda che presiede più imbarazzante di quello del presidente del consiglio, di ciò che Einstein chiamava la "religione della paura", in sintesi.

Claudio Cerasa ha detto...

Sei sempre stato un populista.

Vincenzo ha detto...

In effetti, dentro me, batte un piccolo Popolo della Libertà.